Home Rubriche Notizie Ladine ARCHIVISSIMA, ALLA MAJON DE FASCEGN SI VALORIZZA L’ARCHIVIO DANTONE

ARCHIVISSIMA, ALLA MAJON DE FASCEGN SI VALORIZZA L’ARCHIVIO DANTONE

34

Passa 1000 lastres e fotografies, retrac inedits de monts conscidrèdes anter la più beles tel mondo, la storia de n artist e de n ladin leà a sia tera, a sia jent e a sia identità e n titol che ge à jà dat luster a chest gran melaur tras la mostra stata a Palaz Trentini a Trent te la ocajion del Trento Film Festival 2024: “FRANZ DANTONE FOTOGRAFO DELLE DOLOMITI (1839-1909). La nascita di un immaginario collettivo”. L é chisc i contegnui del event che la Majon di Fascegn endreza ai 7 de jugn, pean via da les 4 domarena, te la senta del Istitut Cultural Ladin a Sèn Jan, delaite da la setima edizion de Archivissima, l prum festival dedicà a la promozion e a la valorisazion di patrimonies archivistics te la Tèlia.

L argoment anunzià dal endrez de Archivissima (net nazionèla di archivies) per l 2024 l é chel de la pascions “fones, caleidoscopiches […] e per secoi n leam fort anter la jent […], motor de enrescida per la trasformazion de la sozietà”. descheche disc l envit a tor pèrt. Vegn uzà fora la emportanza di archivies per enrescir, entener e esplorèr la pascions, per ge dèr lèrga a la idees, a la libertà di pensieres e a l’èrt de la marevea. Segur duta chesta gaissa e chesta pascion de descorir, moscèr, entener la marevea de la Dolomites – e anter chestes de sie jent, de sie valores e de sia sozietà – les se palesa tel archivie fotografich de Franz Dantone Pascalin, om ecletich, curious, inteligent e co na ment zevila.

L event l é spartì te trei moments. Da les 4 domarena, te sala grana de Istitut, na meisa torona te chela che vegnarà portà dant la storia del fon fotografich, i lurieres stac per l recuperament e l restaure de lastres e foti, l valor storich e identitèr del artist e l recort del paron del fon, Franco Dezulian, che l ge à lascià a sia familia l gran melaur culturèl e artistich e al joen nez che l à rità la pascion per la fotografia. Se serarà su la pruma pèrt con n moment de debatit sun coche l fon podarà esser valorisà e fat cognoscer tel davegnir.

Te la seconda pèrt del domarena vegnarà enaudà la mostra, voluda e pissèda dessema co la Fondazion dolomites Unesco, giusta serèda a Palaz Trentini a Trent e portèda te Museo Ladin, che la restarà averta dut istà.

L event se serarà su co la net ti archivies de la Majon di Fascegn dedichèda ai joegn de Fascia, che i tolarà pèrt a jeghes a tem leé al personaje Dantone e a sia fotografia e che i podarà stèr soranet te Istitut. “Ence chest an se à pissà de ge lascèr lèrga a n moment dedicà a la neva generazions per ge fèr entener tras jeghes didatics l valor de la arpejon archivistica conservèda da la Majon di Fascegn, da cognoscer e poder aprijièr desche strument dinamich e modern”, sera su la diretora Rasom.

Più di 1000 lastre e fotografie, immagini inedite di montagne ritenute fra le più belle del mondo, la storia di un artista e di un ladino legato alla propria terra, alla propria gente e alla propria identità e un titolo che ha già fatto conoscere questo immenso patrimonio attraverso la mostra tenutasi a Palazzo Trentini a Trento in occasione del Trento Film Festival 2024: “FRANZ DANTONE FOTOGRAFO DELLE DOLOMITI (1839-1909). La nascita di un immaginario collettivo”. Sono questi i contenuti dell’evento che la Majon di Fascegn organizza il 7 giugno, dalle ore 16.00, nella sede dell’Istituto Culturale Ladino a san Giovanni di Fassa, nell’ambito della settima edizione di Archivissima, il primo festival dedicato alla promozione e alla valorizzazione dei patrimoni archivistici in Italia.

L’argomento annunciato dall’organizzazione di Archivissima (notte nazionale degli archivi) per il 2024 è quello delle passioni “dirompenti, caleidoscopiche […] e per secoli […] un potente nesso tra individui […], motore essenziale per la trasformazione della società”, come narra l’invito a partecipare. Viene sottolineata l’importanza degli archivi per fare ricerca, comprendere ed esplorare le passioni, per dare spazio alle idee, alla libertà dei pensieri e all’arte della meraviglia. Indubbiamente tutto questo entusiasmo e questa passione di scoprire, capire, cogliere la meraviglia delle Dolomiti – e fra queste del popolo, dei valori e della società che le caratterizzano – emergono chiaramente dall’archivio fotografico di Franz Dantone Pascalin, uomo eclettico, curioso, intelligente e mente fine.

L’evento si suddivide in tre momenti. Alle 16.00, nella sala grana dell’Istituto, una tavola rotonda in cui saranno presentati la storia del fondo fotografico, i lavori di recupero e restauro di lastre e fotografie, il valore storico e identitario dell’artista e il ricordo del proprietario del fondo, Franco Dezulian, che ha lasciato in eredità alla sua famiglia il grande tesoro culturale e artistico e al giovane nipote che lo ha ereditato la passione per la fotografia. La prima parte si chiuderà con un momento di dibattito sulle possibilità di valorizzazione e divulgazione del fondo in futuro.

Nella seconda parte del pomeriggio verrà inaugurata la mostra voluta e progettata insieme alla Fondazione Dolomiti – Dolomiten – Dolomites – Dolomitis UNESCO appena chiusa a Palazzo Trentini a
Trento e trasferita al Museo Ladino, che rimarrà aperta per tutta l’estate.

L’evento si chiuderà con la notte negli archivi della Majon di Fascegn dedicata ai giovani della Val di Fassa, che parteciperanno a giochi a tema legati alla figura di Franz Dantone e alla sua fotografia e che potranno dormire in Istituto. “Anche quest’anno si è pensato di dare spazio a un momento dedicato alle nuove generazioni per far loro capire il valore dell’eredità archivistica conservata presso la nostra biblioteca, da conoscere e poter apprezzare come strumento dinamico e moderno”, conclude la direttrice Rasom.