Home Rubriche Notizie Ladine MOENA NEL FINE SETTIMANA DIVENTA “MONC DE PESC”

MOENA NEL FINE SETTIMANA DIVENTA “MONC DE PESC”

52

Oltre 120 mila visitatori e migliaia di pezzi originali esposti in cinque sezioni con diverse ricostruzioni ambientali d’epoca. A dieci anni dal debutto, la mostra “1914-1918 – La Gran Vera – La Grande Guerra: Galizia-Dolomiti” è al centro di “Monc de Pèsc – Montagne di Pace”, il 22 e 23 giugno a Moena. Due giornate che l’Istituto Culturale Ladino “majon di fascegn” con l’Associazione “Sul Fronte dei Ricordi” e il Comune di Moena hanno ideato per fare memoria del conflitto e per sostenere la pace.

“La mostra è un fiore all’occhiello dell’offerta museale sul territorio – commenta Sabrina Rasom, direttrice della Majon di Fascegn – e ci auguriamo che possa presto concretizzarsi il progetto di farla divenire nuova sezione sul territorio del Museo Ladino di Fassa”.

Nella due giorni di Moena, tra le piazze del paese e in località Fango verrà proposta una ricostruzione della vita quotidiana militare, in prima linea e nelle retrovie, con una sessantina di rievocatori storici nelle uniformi di quasi tutti i corpi italiani, tedeschi, austriaci e bosniaci, coinvolti lungo le linee tra Marmolada e Passo San Pellegrino. “Desideriamo porre l’accento sulla quotidianità dei soldati, sul loro abbigliamento, le vettovaglie, l’attrezzatura che usavano, con un occhio particolare alla tecnologia. Il 1914, oggi, appare molto distante da noi, ma all’epoca c’era già tanta tecnologia disponibile, dal telefono, all’aeroplano, all’eliografo. Di quest’ultimo ne avremo un esempio a Moena” sottolinea Michele Simonetti Federspiel curatore, assieme a Mauro Caimi, della mostra “La Gran Vera” e anche della rievocazione del 22 e 23 giugno.

Le attività si concentreranno in particolare sabato 22 quando, gli allestimenti si animeranno grazie ai rievocatori intenti a compiere le azioni del tempo, tra manovre, preparazione del caffè e del rancio militare, ma anche taglio di capelli con il barbiere militare e pure fotografo da campo. Foto d’epoca di grande formato sono collocate in diversi punti del paese per ricreare l’atmosfera vissuta in valle nel periodo bellico.

Sarà possibile visitare la mostra “La Gran Vera” al Teatro Navalge con la presenza dei rievocatori che renderanno il percorso ancora più realistico. Si potrà poi assistere alla proiezione di tre film d’epoca: “Helden im Eis und Schnee” (1917), “Berge in Flammen” di L. Trenker e K. Hartl (1931), “Uomini Contro” di F. Rosi (1970). Inoltre, verrà inaugurata la mostra di disegni dei ragazzi e delle ragazze delle scuole medie di Fassa.

La mattina di domenica 23 giugno si effettueranno visite con i rievocatori al campo trincerato di Fango, mentre nel pomeriggio i rievocatori chiuderanno il corteo della sfilata dei gruppi bandistici che, proprio quel giorno, festeggiano i 170 anni della Banda di Moena. Infine, l’ammaina bandiera e il suono del “Silenzio” alle 16 concluderanno l’evento.

(foto: Archivio “1914-1918 – La Gran Vera – La Grande Guerra: Galizia – Dolomiti”)