Home Notizie MIGLIORANO LE CONDIZIONI DI SALUTE DEI GHIACCIAI

MIGLIORANO LE CONDIZIONI DI SALUTE DEI GHIACCIAI

104

Le eccezionali precipitazioni di quest’anno fanno respirare i ghiacciai. A dirlo i rilievi glaciologici che vengono eseguiti annualmente al fine di determinare il bilancio di massa dei principali ghiacciai del Trentino.
I lavori sono stati coordinati dalla Protezione Civile del Trentino, in collaborazione con SAT attraverso la sua Commissione Glaciologica, il Muse – Museo delle scienze di Trento, con l’Università di Padova per i ghiacciai del Parco dello Stelvio, Careser e La Mare, ed il Servizio Glaciologico Lombardo per il ghiacciaio Adamello Mandrone.
“Quello che emerge – dice il presidente di SAT, Cristian Ferrari – è che salvo un’evoluzione calda dell’estate, ci sono buoni presupposti perché l’abbondante copertura nevosa rilevata permanga sui ghiacciai almeno alle quote più alte contribuendo alla formazione di nuovo ghiaccio. Le condizioni di nevicate eccezionali nell’inverno appena trascorso non ci mettono comunque al riparo dall’attenzione che dobbiamo avere per una situazione glaciologica che rimane critica nel suo complesso”.
Intanto, per quest’anno la salute dei ghiacciai si può definire in miglioramento.
“In particolare sul Ghiacciaio del Careser, dove si effettuano rilevazioni fin dal 1967 – aggiunge Mauro Gaddo, direttore Ufficio previsioni pianificazioni della Provincia – è stato calcolato un contenuto d’acqua all’interno del manto nevoso pari a 1891 mm, valore appena inferiore ai 1900 mm registrati nel 1977 che costituiscono il record della serie storica”.
Con l’occasione la Protezione Civile del Trentino e la SAT raccomandano l’importanza durante tutte l’estate per le escursioni su ghiacciaio ancora con copertura nevosa, di procedere sempre in piena sicurezza ed in cordata, considerando che molti crepacci potrebbero ancora essere coperti da residui di neve.